Welfare aziendale - 29.11.18


WELFARE AZIENDALE

DI COSA SI TRATTA?
Si tratta di un insieme di iniziative e servizi che l´azienda offre ai propri dipendenti e loro familiari, che portano vantaggi sia alle aziende che ai dipendenti, in termini per esempio di risparmio di contributi per le prime e maggiore potere di spesa per i secondi.
Questi servizi comprendono, a titolo di esempio, l´assistenza sanitaria, la cura dei figli, il tempo libero, tra cui la palestra, l´accesso al credito, la previdenza complementare.
 
PERCHÉ?
Il welfare aziendale, diffuso principalmente all´estero, si basa sul principio che un dipendente più felice è un dipendente più produttivo.
Per questo si rende necessario oggi offrire ai dipendenti servizi ulteriori alla semplice remunerazione aggiuntiva (i noti premi di risultato o produzione), quali:
·         Abbonamenti o ingressi a palestre;
·         Abbonamenti o ingressi a cinema, teatri;
·         Viaggi;
·         Attività culturali: mostre, musei;
·         Corsi di lingue;
·         Corsi extraprofessionali;
·         Assistenza sanitaria integrativa;
·         Previdenza complementare;
·         Premi assicurativi per invalidità o malattia grave;
·         Asili nido;
·         Servizi di babysitting;
·         Servizi di assistenza ai familiari anziani e non autosufficienti;
·         Servizi di trasporto per raggiungere il posto di lavoro
che aiutino a conciliare la vita privata e familiare con quella lavorativa.
 
QUALI VANTAGGI FISCALI PER IL DIPENDENTE?
Il lavoratore, che sulla base del contratto aziendale o territoriale, decide di convertire il premio monetario nei benefit di cui sopra non paga imposte sui benefit e servizi ricevuti, fino ad un valore di € 3.000.
Di tali benefit possono beneficiare anche:
  • i familiari dei lavoratori;
  • gli amministratori inquadrati come CO.CO.CO.
 
QUALI VANTAGGI FISCALI PER L´AZIENDA?
Per l´azienda l´erogazione di tali benefit e servizi alla generalità dei dipendenti è completamente deducibile, se avviene sulla base di un contratto aziendale o territoriale.
Su tali benefit e servizi erogati l´azienda non paga contributi.
L´azienda migliora inoltre la propria immagine aziendale offrendo benefit ulteriori alla retribuzione, diviene più attrattiva nella ricerca di personale qualificato da assumere.
L´welfare aziendale migliora anche il clima aziendale, riduce il turn over di personale e l´assenteismo.
 
COME FUNZIONA?
Per poter accedere a questi benefici
  1. l´azienda deve sottoscrivere un contratto aziendale  o territoriale con le associazioni dei lavoratori comparativamente più rappresentative a livello nazionale o con le loro rappresentanze sindacali in azienda (RSU, RSA),
  2. il contratto deve prevedere dei premi di risultato di ammontare variabile legati ad incrementi di produttività, redditività, qualità, efficienza, innovazione.
A titolo di esempio:
 
l´azienda BETA SRL potrà sottoscrivere un contratto avente ad oggetto un premio di risultato, connesso all’incremento dell’efficienza della linea produttiva aziendale rispetto ai risultati riportati nell’anno precedente e misurata con indicatori oggettivi rilevati nel numero di prodotti immessi nel mercato. Il premio sarà pari a 3.000 euro a dipendente e potrà essere convertito in due forme di welfare aziendale: premi di previdenza complementare, versati al fondo di previdenza complementare di comparto o voucher per l’abbonamento in palestra degli stessi dipendenti, viaggi alle isole Galapagos o, ancora, abbonamenti teatrali.



Elenco informative >